MICROREATTORI



“Sviluppo di processi di produzione di sostanze chimiche e biologiche con applicazione di concetti di QbD (Quality by Design) mediante l’applicazione di microtecnologie analitiche di processo (PAT) in tempo reali”: è questo il nome completo del progetto che ha come obiettivo quello di sperimentare nuove tecnologie per ridurre l’inquinamento attraverso l’utilizzo di micro-reattori, la realizzazione e lo sviluppo di teconologie di microscala all’avanguardia. In sostanza a partire da Luglio 2011, per 2 anni all’Insubrias Biopark si lavora su come ottimizzare i processi produttivi di sostanze chimiche grazie all’uso di “microreattori”. A capo del progetto il Prof. Ray W. Chrisman, autorevole ricercatore in chimica inorganica, con pluridecennale esperienza in materia di biotecnologie e micro tecnologie per applicazioni medicoscientifiche, il Prof. Ray W. Chrisman, di Seattle, per due anni seguirà il progetto presso la struttura dell’Insubrias BioPark, a Gerenzano, formando e coordinando tre giovani ricercatori ed è stato promosso a pieni voti e finanziato con 400mila euro in due anni. In particolare si tratta del primo progetto a carattere internazionale finanziato da Fondazione Cariplo in Provincia di Varese. Gli obiettivi del bando mirano infatti a promuovere progetti ad elevato profilo qualitativo per cui un riconosciuto ricercatore straniero coordini un team di giovani ricercatori italiani ai quali viene fornita la possibilità di collaborare con autorevoli istituti di ricerca nazionali e internazionali e di consolidare così il proprio percorso formativo. Ancora più ambiziose le mire dello staff dell’Insubrias BioPark che, con questo progetto in primo luogo , intende creare le condizioni per invertire il flusso migratorio dei cervelli in fuga e far crescere team di giovani ricercatori inserendoli in progetti eccellenti che possano valorizzare il capitale umano e formarlo, incrementarlo e soprattutto trattenerlo per non perdere un vantaggio competitivo  che altrimenti finirebbe altrove. In secondo luogo , al termine dei 2 anni di ricerche, previsto per il 30 luglio 2013, avere anche un prodotto concreto da mettere sul mercato, dando così un futuro ai giovani ricercatori e una speranza di vita “migliore”. Infine utilizzando micro-reattori si riduce in modo significativo la qualità di solventi utilizzati per le reazioni chimiche e, in tal modo, si rispetta l’ambiente.

2012 © FIIRV

fondazione istituto insubrico

di ricerca per la vita

CF 95060530128

contattaci

Tel. +39 02 964.741

Fax +39 02 96474.238

info@ricercaperlavita.it

DOVE SIAMO

via Roberto Lepetit, 34

21040 Gerenzano (VA)

Italia